A+ A A-

Nel corso degli ultimi anni si sente sempre più spesso parlare di “usura bancaria” (usura oggettiva e soggettiva oppure originaria e sopravvenuta).
Il problema dell'usura bancaria è rilevante ed in materia talvolta la giurisprudenza bancaria utilizza criteri incerti e variabili. 
Cerchiamo, dunque, di comprendere “in primis” in cosa consista e perché si discute di Usura Bancaria nelle sue diverse forme: oggettiva, soggettiva, originaria e sopravvenuta.

1) Quando si verifica Usura?

L’usura, come noto, è la pratica consistente nel fornire prestiti a tassi di interesse elevati considerati illegali;è definito usurario il tasso di interesse sulle operazioni di finanziamento che supera le “soglie” stabilite dalla legge. La materia è disciplinata, oltre che dall’art. 1815 c.c., dalla legge 7 marzo 1996 n. 108, la quale ha altresì modificato l’art. 644 c.p. che disciplina il reato di usura, nonché dalla legge 28 febbraio 2001 n. 24 di conversione del D.l. 29 dicembre 2000 n. 394 e dalla legge 12 luglio 2011 n. 106 di conversione del D.l. 70/11.
Ogni 3 mesi viene stabilito dalla Banca d' Italia il “tasso soglia” cosiddetto perché esprime la misura massima di interesse applicabile all’atto dell’accensione di un rapporto di finanziamento.

2)Tipologie di Usura bancaria: Usura Originaria e/o Sopravvenuta.

La giurisprudenza in materia bancaria ha individuato diverse fattispecie di usurarietà bancaria degli interessi:
si parla di usura originaria e sopravvenuta, soggettiva e oggettiva.

- L’usura bancaria originaria è quella di cui alla L. 24/01 che con norma di interpretazione autentica ha stabilito che: “ai fini dell’applicazione sia dell’art. 644 c.p. che dell’art. 1815 c.c., si intendono usurari gli interessi che superano il limite stabilito dalla legge nel momento in cui sono stati promessi o convenuti a qualunque titolo, indipendentemente dal momento del loro pagamento”.
Se il tasso soglia è violato si applica l’art. 1815 c.c. che sancisce la nullità della relativa clausola e la conseguente “non debenza” di alcun interesse da parte del cliente: il prestito concesso diventa così a titolo gratuito e il cliente può agire per la ripetizione di tutte le somme versate a titolo di interessi, spese e competenze. 
- L’usura bancaria sopravvenuta, invece, si verifica quando il contratto prevede un tasso di interesse non usurario al momento della stipula (perché stipulato prima della L. 108/1996 o perché conforme al tasso soglia vigente in quel momento), ma che è divenuto tale nel corso del rapporto a seguito della variazione dei tassi soglia di cui ai citati decreti ministeriali.

3)Tipologie di Usura bancaria: Usura Oggettiva e/o Soggettiva.

- Dal profilo penalistico la fattispecie base dell’usura bancaria si caratterizza per la predeterminazione normativa di un tasso soglia per ogni tipologia di operazione di credito al di sopra del quale l’interesse diventa usurario e questa fattispecie viene definita usura oggettiva. 
Il bene giuridico tutelato dalla norma è basato sull'assunto per il quale: “chiunque presti soldi non può farlo richiedendo o percependo un corrispettivo superiore a quello stabilito dall’autorità amministrativa”.
- L’usura soggettiva è delineata dall’art. 644 c.p. secondo il quale “sono altresì usurari gli interessi, anche se inferiori [al limite stabilito dalla legge] che, avuto riguardo alle concrete modalità del fatto e al tasso medio praticato per operazioni similari, risultano comunque sproporzionati rispetto alle prestazioni di denaro […], quando chi li ha dati o promessi si trova in condizioni di difficoltà economica o finanziaria”.

Il nostro portale, grazie all'attivo supporto di professionisti radicati sul territorio italiano, si pone come obiettivo quello di analizzare, in maniera precisa e puntuale, le differenti questioni ed i relativi orientamenti giurisprudenziali al fine di offrire ai propri utenti un servizio di informazione e conseguente tutela per tutti coloro che sono stati vittime di questa prassi bancaria “contra legem”. 
Questa attività di supporto, consulenza e tutela sarà svolta con la collaborazione di professionisti esperti nelle materie giuridiche e contabili e attraverso l'applicazione di una collaudata metodologia di lavoro, consistente in:
1) Pre-verifica;
2) Perizia contabile;
3) Attività stragiudiziale e giudiziale (civile e penale)

Chiunque fosse interessato può contattare :
- HGM 108, con sede in Novara, via dell’Artigianato, n.50 – tel:0321 4997660
- Studio Legale Ta.Na.Ra., con sede a Parma, alla via F. Tanara, n.13, nella persona dell’avv. Giuseppe Dellisanti e Francesco Savastano - cell: 3385335522; email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
- Avv. Giovanni Cavallo - cell: 3286263693; Avv. Luciano Lonoce, con Studio in San Marzano di San Giuseppe (TA), Piazza Maria Ss.ma delle Grazie, n.21, cell:3290078601).

SONO PREVISTE TARIFFE AGEVOLATE PER GLI ISCRITTI ALLA NOSTRA ASSOCIAZIONE, I QUALI POTRANNO ANCHE BENEFICIARE DI UNA CONSULENZA GRATUITA DEI NOSTRI ESPERTI ATTRAVERSO LA FORMULAZIONE DI QUESITI (Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.) E DI UNA CONTINUA INFORMAZIONE SULLE NOVITA' IN MATERIA.

Jonius.it il portale delle pubbliche amministrazioni e delle imprese.