CookiesAccept

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza

Si riportano qui di seguito alcune notizie circa le modalità di raccolta attiva e passiva delle informazioni relative ai soggetti/strumenti che interagiscono con questo sito, nonché le misure adottate in materia di sicurezza.

L'indirizzo di posta elettronica da Lei fornitoci sarà utilizzato per procedere all’invio, tramite e-mail, di :

- informazioni, newsletter periodiche, su tutte le iniziative ed attività di JONIUS;

- comunicazioni istituzionali (convocazione assemblea o consiglio direttivo dell’associazione etc.)

Questi dati saranno archiviati, per ragioni di sicurezza, con strumenti elettronici o comunque automatizzati, così che il visitatore, iscrivendosi, accetta che la sua e-mail venga conservata, assieme agli altri dati che compongono il suo profilo, ivi compreso l'indirizzo IP.

Agli effetti del D.Lgs. 196/03, titolare del trattamento dei dati è JONIUS, Via Firenze, 40 -74023 Grottaglie (Ta). Per esercitare i diritti previsti dall'art. 7 del Codice della privacy sotto elencati l'interessato dovrà rivolgere richiesta scritta indirizzata a: JONIUS, Via Firenze, 40 -74023 Grottaglie (Ta).

 

Dati di navigazione

I sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento di questo sito web acquisiscono, nel corso del loro normale esercizio, alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell'uso dei protocolli di comunicazione di Internet.

Si tratta di informazioni che non sono raccolte per essere associate a interessati identificati, ma che per loro stessa natura potrebbero, attraverso elaborazioni ed associazioni con dati detenuti da terzi, permettere di identificare gli utenti. In questa categoria di dati rientrano gli indirizzi IP o i nomi a dominio dei computer utilizzati dagli utenti che si connettono al sito, gli indirizzi in notazione URI (Uniform Resource Identifier) delle risorse richieste, l'orario della richiesta, il metodo utilizzato nel sottoporre la richiesta al server, la dimensione del file ottenuto in risposta, il codice numerico indicante lo stato della risposta data dal server (buon fine, errore, ecc.) ed altri parametri relativi al sistema operativo e all'ambiente informatico dell'utente.

Questi dati vengono utilizzati al solo fine di ricavare informazioni statistiche anonime sull'uso del sito, per controllarne il corretto funzionamento e vengono periodicamente cancellati. I dati potrebbero essere utilizzati per l'accertamento di responsabilità in caso di ipotetici reati informatici.

 

Cookies
Nessun dato personale degli utenti viene in proposito acquisito dal sito. Non viene fatto uso di cookies per la trasmissione di informazioni di carattere personale, né vengono utilizzati c.d. cookies persistenti di alcun tipo, ovvero sistemi per il tracciamento degli utenti.

Informativa al trattamento dei dati personali, anche sensibili (ai sensi del D.Lgs. 196/2003 – Codice in materia di protezione dei dati personali)

Con riferimento a quanto previsto dall'art. 13 del D. Lgs. n. 196/03, recante disposizioni a tutela della riservatezza nel trattamento dei dati personali, desideriamo fornirLe le seguenti informazioni:

1) Finalità del trattamento

I dati personali forniti per l'iscrizione saranno utilizzati unicamente per all’invio, tramite e-mail, di :

- informazioni, newsletter periodiche, su tutte le iniziative ed attività di JONIUS;

- comunicazioni istituzionali (convocazione assemblea o consiglio direttivo dell’associazione etc.)


2) Modalità del trattamento

Il trattamento dei dati personali avviene mediante strumenti manuali ed informatici, con logiche strettamente correlate alle finalità sopra indicate e, comunque, in modo da garantire la sicurezza dei dati stessi.

3) Conferimento dei dati

I dati personali vengono raccolti da JONIUS attraverso il sito internet http://www.jonius.it o direttamente presso di Lei. Il trattamento dei dati per le finalità indicate ha natura obbligatoria, pertanto un Suo rifiuto al trattamento dei dati comporta l'impossibilità da parte nostra di poterLe fornire i servizi richiesti, di tenerLa informata sulle attività e di invitarLa a partecipare agli eventi sopra richiamati.

 

4) Diritti dell'interessato

In base all'art. 7 del D. Lgs. n. 196/03 si comunica che è diritto dell'interessato:
a) conoscere quali dati personali siano registrati, la loro origine e le finalità del trattamento;
b) ottenere la cancellazione dei dati trattati in violazione di norme nonché la rettifica o l'integrazione dei dati;

c) opporsi in tutto o in parte a trattamenti illegittimi dei dati;

d) opporsi al trattamento dei dati per fini di informazione commerciale, invio di materiale pubblicitario, vendite dirette, comunicazione commerciale interattiva.

 

5) Titolare del trattamento

Agli effetti del D. Lgs. n. 196/03, titolare del trattamento dei dati è JONIUS, Via Firenze, 40 -74023 Grottaglie (Ta).

A+ A A-

L’Adunanza plenaria si pronuncia sulle conseguenze della mancanza del requisito di qualificazione in misura corrispondente alla quota dei lavori - Cons. St., A.P., 27 marzo 2019, n. 6

tratto da https://www.giustizia-amministrativa.it

L’Adunanza plenaria si pronuncia sulle conseguenze della mancanza del requisito di qualificazione in misura corrispondente alla quota dei lavori

Cons. St., A.P., 27 marzo 2019, n. 6

Contratti della Pubblica amministrazione – Raggruppamento temporaneo di imprese – Quota di lavori dichiarata in offerta - Requisito di un componente insufficiente – Conseguenza.

            In applicazione dell’art. 92, comma 2, d.P.R. 5 ottobre 2010 n. 207, la mancanza del requisito di qualificazione in misura corrispondente alla quota dei lavori, cui si è impegnata una delle imprese costituenti il raggruppamento temporaneo in sede di presentazione dell’offerta, è causa di esclusione dell’intero raggruppamento, anche se lo scostamento sia minimo ed anche nel caso in cui il raggruppamento nel suo insieme (ovvero un’altra delle imprese del medesimo) sia in possesso del requisito di qualificazione sufficiente all’esecuzione dell’intera quota di lavori (1).

 

(1) La questione era stata rimessa dalla sez. V con ordinanza 18 ottobre 2018, n. 5957.

Ha chiarito l’Alto Consesso che è possibile ritenere come “formalistica” l’interpretazione ora offerta, contrapponendola (come non condivisibilmente effettuato dall’appellante) ad un’altra interpretazione di tipo “sostanzialistico”, secondo la quale – in presenza delle tre condizioni più volte innanzi indicate – il principio di doverosa corrispondenza tra i requisiti di partecipazione di ciascuna impresa e la quota di esecuzione dichiarata “non può dirsi nella sostanza violato”, posto che si otterrebbe anche il “contemperamento tra il principio di libero accesso alle gare ed il principio della necessaria affidabilità degli offerenti”.

A tal fine, occorre in primo luogo osservare come la funzione cui sono preordinati i requisiti di qualificazione ne esclude, per le ragioni di tutela dell’interesse pubblico innanzi esposte, una loro natura meramente “formale”, risolvendosi essi in requisiti di affidabilità professionale del potenziale contraente, la cui natura “sostanziale” è del tutto evidente.

Di modo che una non corrispondenza, in sede di partecipazione alla gara, tra requisito e quota dei lavori da eseguire si risolve non già in una imprecisione formale ovvero in una sorta di errore materiale, bensì in una violazione sostanziale di regole disciplinanti l’intero sistema dei contratti pubblici (e valevoli oggettivamente per tutti i partecipanti alle gare).

Né, inoltre, può dirsi pretermesso il principio del libero accesso alle gare (più volte richiamato dall’appellante), posto che tale accesso è certamente “libero” per i soggetti che rispondono ai requisiti previsti dall’ordinamento per la partecipazione.

D’altra parte, il principio volto a garantire la più ampia partecipazione alle gare non agisce “in astratto”, ma esso, nella sua concreta attuazione, non può che riferirsi ad imprese che – per serietà ed affidabilità tecnico-professionale (appunto validate dal possesso dei requisiti) – sono potenzialmente idonee ad assumere il ruolo di contraenti con gli operatori economici pubblici.

Nel caso di specie, quanto richiesto dalle norme regolamentari e dal bando di gara non appare costituire un impedimento irragionevole alla partecipazione (così costituendo un vulnus per il principio di libera partecipazione), posto che le imprese associate ben possono attribuire a ciascuna di esse ex ante una quota di lavori corrispondente al requisito di qualificazione.

Si intende cioè affermare che nulla vieta al r.t.i. la partecipazione alla gara, ben potendo questa avvenire con una attribuzione delle quote di lavori tra le imprese associate coerente con i loro requisiti di partecipazione.

In altre parole, ciò che si vuol rendere possibile ex post, attraverso l’intervento di un’altra impresa associata avente un requisito “sovrabbondante”, non si vede perché non possa correttamente avvenire ex ante, in sede di ripartizione tra le associate delle quote dei lavori: il che dimostra come non sussista alcun irragionevole restringimento del principio di ampia e libera partecipazione alle gare.

Giova ancora osservare come l’interpretazione cd. “sostanzialistica”, nel richiedere, tra le condizioni per evitare l’esclusione dalla gara del r.t.i. per mancanza di corrispondenza tra requisiti di qualificazione e quote di esecuzione lavori, quella della misura “minima” o “non eccessiva” dello scostamento, finisce per dar luogo:

- per un verso, ad un non consentito fenomeno di integrazione normativa, attesa la chiara prescrittività del dato normativo in favore della corrispondenza. Nel caso di specie, infatti, l’interprete finirebbe non già per individuare l’esatto contenuto normativo della disposizione (che prevede un chiaro principio di corrispondenza), quanto per aggiungere ad essa una norma ulteriore, peraltro di incerta prescrittività;

- per altro verso, ad una invasione del campo riservato alla pubblica amministrazione, valutando ex post – in luogo di questa ed in assenza di dato normativo – quando uno scostamento possa definirsi minimo e, dunque, non rilevante ai fini dell’esclusione;

- per altro verso ancora, ad una lesione del principio della par condicio dei concorrenti, laddove si consentisse alla stazione appaltante di valutare ex post quando (ed in che misura) lo scostamento può definirsi irrilevante.

Delle considerazioni (e preoccupazioni) ora esposte si è resa conto la stessa ordinanza di rimessione laddove, per il caso di adesione alla tesi cd. sostanzialistica, ha in via subordinata richiesto che questa Adunanza Plenaria determini “la soglia superata la quale lo scostamento non possa più essere considerato minimo”.

Il che dimostra, contemporaneamente, il timore per l’esercizio da parte della stazione appaltante di un potere discrezionale ex post e non sorretto da indicazioni normative e la natura di integrazione normativa (e non di interpretazione) di quanto richiesto.

Visit the new site http://lbetting.co.uk/ for a ladbrokes review.

Jonius.it il portale delle pubbliche amministrazioni e delle imprese.